DISTURBO DA USO DI SOSTANZE

Nel mio lavoro integro l’esperienza maturata all’interno della comunità semiresidenziale “La Tenda” con l’Analisi Transazionale. Questo mi consente di guardare al Disturbo da uso di Sostanze partendo da un presupposto di base: la dipendenza è il modo “migliore” che la persona ha imparato per far fronte ad una difficoltà emotiva. Il lavoro psicoterapeutico sarà orientato allo sviluppo di competenze alternative affinché la persona possa utilizzare le risorse proprie dell’Adulto.

Nel DSM-5 il disturbo da uso di sostanze viene definito “Una modalità patologica d’uso della sostanza che conduce a disagio o compromissione clinicamente significativi, come manifestato da almeno due delle condizioni seguenti, che si verificano entro un periodo di 12 mesi:

La sostanza è spesso assunta in quantità maggiori o per periodi più prolungati rispetto a quanto previsto dal soggetto

DESIDERIO PERSISTENTE O TENTATIVI INFRUTTUOSI DI RIDURRE O CONTROLLARE L’USO DELLA SOSTANZA

UNA GRANDE QUANTITÀ DI TEMPO VIENE SPESA IN ATTIVITÀ NECESSARIE A PROCURARSI LA SOSTANZA, AD ASSUMERLA O A RIPRENDERSI DAI SUOI EFFETT

CRAVING O FORTE DESIDERIO O SPINTA ALL’USO DELLA SOSTANZA

USO RICORRENTE DELLA SOSTANZA CHE CAUSA UN FALLIMENTO NELL’ADEMPIMENTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DI RUOLO SUL LAVORO, A SCUOLA, A CASA

USO CONTINUATIVO DELLA SOSTANZA NONOSTANTE LA PRESENZA DI RICORRENTI PROBLEMI SOCIALI O INTERPERSONALI CAUSATI DAGLI EFFETTI DELLA SOSTANZA

Modifica IMPORTANTI ATTIVITÀ SOCIALI, LAVORATIVE O RICREATIVE VENGONO ABBANDONATE O RIDOTTE A CAUSA DELL’USO DELLA SOSTANZA

USO RICORRENTE DELLA SOSTANZA IN SITUAZIONI NELLE QUALI È FISICAMENTE PERICOLOSA

USO CONTINUATO DELLA SOSTANZA NONOSTANTE LA CONSAPEVOLEZZA DI UN PROBLEMA RICORRENTE CAUSATO DALLA SOSTANZA

TOLLERANZA, COME DEFINITA DA CIASCUNO DEI SEGUENTI: A) IL BISOGNO DI DOSI NOTEVOLMENTE PIÙ ELEVATE DELLA SOSTANZA PER RAGGIUNGERE L’EFFETTO DESIDERATO; B) UN EFFETTO NOTEVOLMENTE DIMINUITO CON L’USO CONTINUATIVO DELLA STESSA QUANTITÀ DELLA SOSTANZA

ASTINENZA, COME MANIFESTATA DA CIASCUNO DEI SEGUENTI: A) LA CARATTERISTICA SINDROME DI ASTINENZA PER LA SOSTANZA (RIFERIRSI AI CRITERI A E B DEI SET DI CRITERI PER ASTINENZA DALLE SOSTANZE SPECIFICHE); B) LA STESSA SOSTANZA (O UNA STRETTAMENTE CORRELATA) È ASSUNTA PER ATTENUARE O EVITARE I SINTOMI DI ASTINENZA